Categorie professionali

Categorie professionali

Scuola Riflessoterapia al Piede Italia

METODO HANNE-MARQUARDT-FUSSREFLEX®
  • CHI PUÒ SVOLGERE LA FORMAZIONE?

    • La Hanne-Marquardt-Fussreflex® viene insegnata ad un livello tecnico elevato per il lavoro terapeutico sui pazienti.
    • Questo richiede una formazione medica di base ed autorizza così la partecipazione delle seguenti categorie di professionisti:

item showcase image

Medico

allargare l’orizzonte verso il pensiero olistico

Infermiere

basta poco per sollevare molto

Ostetrica

un accompagnamento prima- durante- dopo

Fisioterapista | Osteopata | Massaggiatore

toccando il piede.... avere in mano l’intera persona

Podologo

Vedere il conosciuto con occhi nuovi

Geriatra

un attrezzo manuale prezioso

Psicologo

...

Logopedista

...

Ergoterapista

...

Naturopata

...

Laureato in scienze motorie

CHE COSA OFFRE LA RTP PER I SINGOLI PROFESSIONI?

COME SI INTEGRA LA RTP COL PROPRIO LAVORO?

Medico
Attraverso la formazione RTP un medico può aggiungere più correlazioni e concause che sono di grande aiuto all’elaborazione di una diagnosi più completa. Studiando le zone riflesse dei piedi ed imparando a capire i loro sovraccarichi, si riesce ad ottenere un quadro più ampio dell’origine del sintomo. Grazie alle pratiche RTP i medici possono rilevare un disturbo già prima della normale prassi d’indagine con esami convenzionali, vantaggio notevole anche ai fini delle campagne di prevenzione.
Infermiere

Nel lavoro professionale infermieristico il campo d’integrazione e d’intervento è vastissimo, è possibile aiutare i pazienti ricoverati in ospedale o assistiti in degenza domiciliare, dando sollievo, evitando interventi invasivi e fastidiosi quali l’applicazione di un catetere o l’uso di un clistere. La RTP viene utilizzata per lenire i vari disturbi post intervento ed anestesia, viene utilizzato come antidolorifico, ed anche come stimolatore degli organi vitali per i pazienti dei reparti intensivi.

Ostetrica

Fra le varie possibilità d’intervento delle tecniche RTP ricordiamo che aiuta ad in ostetricia incrementare la fertilità per le donne che desiderano diventare mamme, durante la gravidanza può eliminare gli edemi alle gambe, togliere il senso di nausea e/o risolvere i disturbi di costipazione, stimolare le doglie ed altro. L’ostetrica attraverso l’utilizzo della RTP può agire anche sulle problematiche del neonato quali: difficoltà durante l’allattamento, presenza dell’ittero, delle coliche, di rigurgito, di difficoltà respiratorie, dei canali lacrimali otturati ed altro ancora.

Fisioterapista | Osteopata | Massaggiatore

Una terapia manuale come la RTP si integra facilmente con qualsiasi altro metodo manuale divenendo un “catalizzatore”. La RTP consente d’imparare, al di là del guarire il sintomo, a curare le cause del disturbo con un intervento mirato; come stimolare le zone riflesse al fine di guarire i disturbi dell’apparato motorio e delle patologie funzionali degli organi. Ecco che risolvere una periartrite scatenata da un mal funzionamento intestinale, da un dente malato o da un problema articolare alla spalla può risultare evidente e risolvibile in modo più immediato.

Podologo

I podologi ampliano rapidamente il know how di quello che è il loro campo d’azione giornaliero: il piede. Attraverso la RTP i podologi infatti possono apprendere la relazione che esiste fra i dolori dei piedi e le cause scatenanti questi dolori, possono imparare come curare il paziente e constatare post trattamento il miglioramento delle problematiche quali callosità, unghie incarnite ed altro.

Geriatra

Le malattie croniche e degenerative, i disturbi e le problematiche presenti in età avanzata richiedono attività ed assistenza di professionisti, la RTP è un valido supporto a tutto ciò. Aiuta a stimolare le risorse dell’individuo, a sostenere e favorire la forza vitale, a curare vari disturbi fra i quali si ricordano quelli digestivi ed intestinali, d’incontinenza e fecali, edemi, astenie, vascolari, di mobilità, emozionali, di apatia ed altro ancora. Anche come prezioso accompagnamento per pazienti terminali in fine di vita.

Psicologo

La RTP consente un contatto tra mente/ parola e corpo/sintomo del paziente. L’esplorazione del corpo effettuata attraverso la mappatura del piede aiuta a scoprire tensioni e collegamenti, a prima vista, inesplorati. Le zone dove l’energia non fluisce e le aree doloranti possono indurre riflessioni più ampie sui significati e la natura dei sintomi che il corpo manifesta. Trattandosi di una terapia che “tocca il corpo” permette di spostare l’attenzione sui circuiti viziati che questo accusa e riportare poi ai meccanismi superiori che funzionano in parallelo riunificando la forzosa scissione mente/corpo.